enit (+39) 0863.1856566 info@wildlifeadventures.it

Rifugio di Terraegna

Bisegna (1780 m slm) - Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise

Il Rifugio di Terraegna nasce dal recupero completo di uno stazzo montano situato in una sella tra Pescasseroli e Bisegna nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. E’ caratterizzato da una spaziosa sala pranzo con stufa a legna, cucina e due graziose camere in grado di ospitare coppie per un soggiorno romantico o  gruppi di escursionisti che desiderano esplorare una delle più affascinanti e remote aree del Parco. Dispone di un totale di 10 posti letto, acqua calda ed energia elettrica. La scarsa presenza di segnale telefonico garantisce una completa immersione in natura. Il traffico veicolare è controllato in maniera da assicurare l’esperienza più remota possibile. E’ raggiungibile a piedi e con sci o ciaspole nel periodo invernale.

Il pianoro di Terraegna ospita la grande fauna del Parco tra cui l’orso, il cervo e l’aquila reale. Dal rifugio è possibile osservare un caldo tramonto in estate dopo una intensa giornata escursionistica o ascoltare l’ululato del lupo durante le notti invernali. L’intervento di recupero dello stabile è stato possibile grazie a un accordo tra il Comune di Bisegna e Wildlife Adventures supportato dal Rewilding Europe Capital.

Accesso al rifugio

Da Pescasseroli
Templo – Vallone Filarello
Sentiero Z1-A1 PNALM
Dislivello 450 mt
Durata 2 ore

Da Bisegna
Gole d’Appia – Terraegna
Sentiero A1 PNALM
Dislivello 500 mt
Durata 3 ore

Da Scanno
Scanno – Valico del Carapale
Sentiero A3-A1 PNALM
Dislivello 1000 m
Durata 4 ore

Il rifugio di Terraegna ai piedi della Montagna Grande

Itinerari consigliati

Il Rifugio di Terraegna, grazie alla sua posizione, offre la possibilità di scegliere tra diversi itinerari panoramici tutti accessibili e ben segnati.

Monte Argatone (Sentiero W3 PNALM) 1 ora
Valico del Carapale (Sentiero A1-A3 PNALM) 2 ore
Valico della Corte (Sentiero A1-A4 PNALM) 3 ore
Monte Marsicano (Sentiero A1-A6 PNALM) 5 ore

Specie osservabili

Negli angoli più nascosti di questo meraviglioso territorio sopravvivono antiche foreste di faggio, come nel Coppo del Morto e sul Codone, dove i patriarchi raggiungono e superano i 500 anni di vita. Le foreste vetuste del Parco, riconosciute da qualche anno patrimonio mondiale UNESCO rappresentano la massima espressione di naturalità nei nostri territori e ospitano al loro interno diverse specie animali e vegetali. Tra queste ne elenchiamo alcune inserite nella direttiva Habitat e osservabili in prossimità del rifugio.

Uno splendido esemplare di Allocco a riposo nel tiepido sole della foresta

Allocco Strix aluco (Linnaeus, 1758)
Aquila reale Aquila chrysaetos (Linnaeus, 1758)
Averla piccola Lanius collurio (Linnaeus, 1758)
Balia dal collare Ficedula albicollis (Temminck, 1815)
Barbastello Barbastella barbastellus (Schreber, 1774)
Camoscio appenninico Rupicapra pyrenaica ornata (Neumann, 1899)
Cerambice del faggio Rosalia alpina (Linnaeus, 1758)
Codirossone Monticola saxatilis (Linnaeus, 1766)
Falco pellegrino Falco peregrinus (Tunstall, 1771)
Fringuello alpino Montifringilla nivalis (Linnaeus, 1766)
Lupo appenninico Canis lupus italicus (Linnaeus, 1758)
Orso bruno marsicano Ursus arctos marsicanus (Altobello, 1921)
Nibbio bruno Milvus migrans (Boddaert, 1783)
Picchio dorsobianco Picoides leucotos lilfordii (Bechstein, 1803)
Rampichino alpestre Certhia familiaris (Linnaeus, 1758)
Vipera dell’Orsini Vipera ursinii (Bonaparte, 1835)

Vuoi saperne di più

Prenotazioni

Il rifugio è normalmente aperto nei fine settimana estivi e nel periodo di alta stagione a sostegno delle numerose iniziative organizzate da Wildlife Adventures. E’ possibile altresì richiedere l’apertura per singoli e gruppi in altre date. In ogni caso è sempre opportuno verificare l’apertura contattando in anticipo il nostro ufficio.

35

a partire da
Seguici anche su

Instagram

#rifugioterraegna

Il nostro risveglio di #Primavera lo affidiamo alle affascinanti parole e ricerche di D.G. Haskell “Il fiore di Hepatica si schiude un’ora dopo la prima luce. I tre sepali si allargano lasciando intravedere i bordi degli altri tre all’interno. Hanno striature violette e, sebbene sia sprovvisto di veri e propri petali, i sepali ne hanno la forma e la funzione: proteggono il fiore di notte e attirano gli insetti di giorno. Il movimento che il fiore compie per aprirsi è troppo lento perché i miei occhi possano percepirlo direttamente. Devo distogliere lo sguardo e poi posarlo di nuovo su di esso per vedere il cambiamento…” (#theforestunseen)
.
.
.
#spring #nature #abruzzo #mywildlife #parcoabruzzo #parconazionaledabruzzo #naturelovers
🇮🇹 Quale migliore occasione per vivere emozioni in natura?
Il Rifugio Principessa Maria di Piemonte, più comunemente conosciuto come Rifugio di Prato Rosso è situato a Pescasseroli a 1536 mt di quota e immerso in una delle più belle e interessanti faggete del territorio del Parco. Costruito negli anni ’30 per volontà del fondatore del Parco d’Abruzzo Erminio Sipari rappresenta l’unico rifugio di proprietà dell’Ente sulla sinistra orografica del Fiume Sangro.
Il rifugio è accessibile tutto l’anno ma, almeno per ora, non è gestito secondo il modello alpino. Pertanto per poterlo utilizzare è necessario prenotare e richiedere le chiavi presso la nostra sede o partecipare alle numerose iniziative a calendario. .
.
🇬🇧 Discover the wild heart of Italy sleeping in this beautiful accommodation. The Principessa Maria di Piemonte shelter, more commonly known as Prato Rosso shelter, is situated at 1536 meters above sea level and it is surrounded by one of the most interesting and beautiful beech forests of the Abruzzo National Park territory. It was built in the thirties for the wish of the Park’s founder Erminio Sipari and it is the only shelter owned by the Park on the left bank of Sangro River. 
The shelter is open all year but, currently, is not managed according to the Alpine model. So, if you want to use it you have to book and ask for the keys in our offices, or you can take part in our planned proposals.
.
.
.
#mywilldife #wildlifeadventures #abruzzo #parcoabruzzo #parconazionaledabruzzo #abruzzo_in_foto #visititaly #visitabruzzo #parconazionaledabruzzo #mywildlife #naturelovers #winter #snow #beautiful #bookofcabin #cabin #cabinlife #cabininthewoods #cabinporn #tinyhouse #cabinlove
Per il prossimo #weekend non prendete impegni. Anche se durante il giorno il sole ci regala  giornate miti la #neve persiste in quota e ci offre emozionanti incontri in #natura 🦊☀️
.
.
.
Trovate tutti gli eventi in programma nel link in bio 👆🏻
.
.
.
#naturelovers #naturephotography #fox #abruzzo #parcoabruzzo #parconazionaledabruzzo #pnalm #pescasseroli #wildlifeadventures #mywildlife
🇮🇹 Uno splendido #lagovivo con i nostri ospiti inglesi. Adagiato in una conca carsica, ai piedi di uno tra gli anfiteatri più belli del territorio del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise questo luogo regala agli occhi di chi lo raggiunge panorami coinvolgenti, bellezze di interesse naturalistico e geologico anche in pieno inverno. 🇬🇧 A great day in the Abruzzo National Park. The valley of Lake Vivo, framed by the magnificent rocky amphitheaters of Mount Petroso and Mount Altare, adds some geological elements to the typically naturalistic features.

#abruzzo #naturelovers #winter #ramblerswalkingholidays #parcoabruzzo #parconazionaledabruzzo #mywildlife #wildlifeadventures #yourabruzzo

Photo @marco_indiopix
🇮🇹 Miracolosamente scampato dall’estinzione all’inizio del’900 sui ripidi pendii della Camosciara oggi è diffuso con duemila esemplari sulle vette dell’Appennino centrale e rappresenta una delle più belle storie per la conservazione della natura in Italia. Dal Parco Nazionale d’Abruzzo sono partiti gli esemplari reintrodotti alle pendici della Majella, sul Gran Sasso e nei Monti Sibillini. Lo straordinario disegno del suo mantello, le sue magnifiche corna, l’agilità e l’eleganza dei suoi movimenti, hanno portato a definire questa sottospecie (Rupicapra pyrenaica ornata) il Camoscio più bello del mondo.  Specie simbolo di queste montagne rappresenta i nostri ricordi, la fatica e il sudore per le prime cime raggiunte e la soddisfazione per i primi meravigliosi incontri con la fauna del Parco.
.
.
.
🇬🇧 It miraculously escaped from extinction on the steep slopes of Camosciara at the beginning of 1900.  Now there are 2000 chamoises on the tops of Central Apennines and the history of this animal represents one of the most interesting histories of nature conservation. Some chamoises from Abruzzo National Park have been reintroduced on the slopes of  Majella, on Gran Sasso and on Sibillini Mountains. Thanks to its extraordinary coat, its magnificent horns, the agility and the elegance of its movements this subspecies (Rupicapra pyrenaica ornata) has been defined as the most beautiful chamois in the world. The Apennine chamois is the symbolic species of Abruzzo National Park and represents our memories, our effort and our sweat for the first reached tops and the satisfaction for our first encounters with the fauna of Abruzzo National Park.
.
.
.
#mywilldife #wildlifeadventures #abruzzo #parcoabruzzo #parconazionaledabruzzo  #abruzzo_in_foto #visititaly #visitabruzzo #parconazionaledabruzzo#mywildlife #naturelovers #sunset #winter #snow #beautiful
🇮🇹 Quello del lupo non è mai un semplice vagare. La loro comunicazione è fortemente caratterizzata da segnali odorosi trasmessi con urina, feci e ghiandole del corpo. 
Anatomicamente i lupi hanno un ponte carnoso che unisce i due cuscinetti plantari centrali della zampa, ma questa caratteristica rimane impressa sul substrato nevoso soltanto in poche occasioni.

Molto spesso, dopo aver deposto le urine, i lupi dominanti raspano il terreno nei pressi della marcatura, lasciando in questo modo un ulteriore segno della loro presenza, grazie alle secrezioni delle ghiandole poste a livello del cuscinetto plantare delle zampe.
.
.
🇬🇧 Apocrine sweat are present in the webs of the paws in the form of small glandular near the bases of the toes of dogs and probably ok those of other canids as well. Eccrine sweat glands, in contrast, are numerous in the footpads.

The stiff-legged scratching that sometimes follow urine markings and defecations by breeding wolves may lay down an additional scent mark from the paws.
.
.
.
#wolves #footprints #mywildlife #beautiful #abruzzo_in_foto #pnalm #parcoabruzzo #wildlifeadventures #wolf #apennines #naturelovers
Un risveglio magnifico quello di stamane ❤️❄️
.
.
🇮🇹 L’alba illumina il versante sud delle montagne del Parco Regionale #sirentevelino. In questa splendida area è oggi possibile osservare il più grande avvoltoio presente in Appennino grazie a un attento progetto di reintroduzione del Corpo Forestale dello Stato. Particolarmente importante è la presenza nella stessa area di animali come l’orso e soprattutto il lupo, in quanto il #grifone si nutre di resti animali lasciati dalla caccia di questi grandi predatori. Un territorio che lascia davvero ben sperare per le nostre nuove proposte e che rappresenta un corridoio straordinario verso gli ampi spazi del Gran Sasso e i selvaggi valloni della Majella.
.
.
.
🇬🇧 Sunrise on the slope of Sirente Velino Regional Reserve in the Apennines. This represent the most important area for the Griffon Vulture, a large vulture that can reach a wingspane of 280 centimeters. The Central Apennines represented, before the nineteenth century, a suitable area for its presence, but then it was extinct. Now you can again observe the griffon in the Sirente-Velino Regional Park thanks to a reindroduction project of the State Forestry Corps. It’s very important the presence in the same area of some animals such as bears and especially wolves, because the griffon feeds on animal remains left by the hunting of these large predators. This territory allows us to hope for the success of our new proposals and it represents an extraordinary passageway towards the wide areas of Gran Sasso and the wild valleys of Majella.
.
.
.
#abruzzo #abruzzo_in_foto #visititaly #visitabruzzo #parconazionaledabruzzo #mywildlife #wildlifeadventures #naturelovers #sunrise #winter #snow #beautiful
Una giornata di puro divertimento e tanta tanta natura! Presto tante novità... #winterbike #bikewinter #campitelli #parcoabruzzo #parconazionaledabruzzo #mywildlife #moustachebike #pnalm #abruzzo #abruzzo_in_foto #alfedena #wildlifeadventures #winter #sunnyday #naturelovers @guidamtbabruzzo
La dorsale della Montagna Grande che sovrasta il #rifugioterraegna e la splendida foresta di Coppo del Morto, uno dei 5 siti di foresta vetusta rientrati a far parte dei siti Patrimonio dell’Umanità UNESCO. 
Queste antiche foreste rappresentano dei veri e propri serbatoi di biodiversità, in quanto sono l’habitat d’elezione per moltissime specie diverse e un palcoscenico dove avvengono avvincenti dinamiche evolutive.

#parconazionaleabruzzo #parcoabruzzo #naturephotography #snowshoes #winter #picoftheday #naturelovers #clouds #snow #nature #snowing #pnalm #mywildlife #wildlifeadventures #forest #trees