• Wolf tracking in Abruzzo

Wolf tracking in Abruzzo

0
Prezzo
da€190
Prezzo
da€190
Prenotazione
Informazioni
Nome e Cognome*
Indirizzo email*
La tua richiesta*
* Si prega di selezionare tutti i campi richiesti per procedere al passaggio successivo.

Prenota

Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

146
3 giorni / 2 notti
Periodo : Novembre / Aprile
Età consigliata : 10+
Max partecipanti : 10

In natura sicuramente non c’è un animale che più del lupo abbia colpito l’immaginazione dell’uomo fin dalla più remota antichità. Un magnifico predatore, intelligente ed adattabile, capace di percorrere grandi distanze e di sopravvivere in ambienti difficili e con scarse risorse alimentari. A partire da un numero sparuto (probabilmente meno di 100) di lupi sopravvissuti nell’Appennino centro-meridionale verso la fine degli anni ’60, il lupo in Italia ha lentamente ma progressivamente espanso il proprio areale attraverso un processo di ricolonizzazione spontanea durante gli ultimi 30-40 anni. Oggi una popolazione strutturata in un minimo di 8 branchi residenti è presente nel territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise.

Dettagli

Con tre giornate sul campo approfondiremo la sua straordinaria vita sociale frequentando i sentieri e le valli del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise e delle aree limitrofe, effettuando anche affascinanti escursioni serali. Scopriremo il suo ruolo di predatore, la grande capacità di adattamento al territorio italiano ma anche il rapporto storico e conflittuale con l’uomo.

Difficoltà

(E) Escursionistica L’escursione non presenta difficoltà tecniche, si svolge su sentieri di montagna in buona parte boscate con salite e discese di media pendenza. E’ ncessario un piccolo impegno fisico e spirito di adattamento durante la fase di osservazione. 

Dislivello

400 m in salita e discesa al giorno

Lunghezza

7-10 km circa al giorno

Fra tutte le specie della fauna italiana, il lupo è una delle più affascinanti: ha visto nascere la città di Roma, ha una vita avventurosa che si svolge prevalentemente all’agguato nei boschi e nelle praterie, è intelligente nella caccia alle prede, è esteticamente perfetto, è stato amato da San Francesco d’Assisi, è stato perseguitato in tutti i modi, negli anni ’60 era giunto all’orlo dell’estinzione, negli anni ’80 si è ripreso a seguito dei provvedimenti di tutela, oggi è arrivato nuovamente sulle Alpi dove mancava da oltre 100 anni

Franco Pedrotti
Quota di partecipazione

Cosa è incluso

  • Guida e organizzazione
  • Utilizzo di torce, binocoli e fieldscope Nikon
  • Utilizzo di ciaspole e bastoncini
  • Sistemazione in rifugio e albergo con trattamento di mezza pensione

Cosa è escluso

  • Trasporti e trasferimenti
  • Extra e spese personali
Itinerario

Day 1Il lupo in Abruzzo, quanti sono e come li abbiamo contati

Arrivo libero a Pescasseroli, nel pomeriggio sistemazione dei partecipanti in albergo e presentazione della guida. Alle 16 partenza per una prima facile escursione sino al tramonto. Rientro in serata in ostello, cena e pernottamento.

Day 2Vivere da lupi nel mondo degli uomini

All’alba sessione di wildlife watching. Dopo la prima colazione partenza per un’escursione panoramica e ricerca dei segni di presenza del lupo. Possibilità di osservare al pascolo cervi, caprioli e camosci. Pranzo al sacco e spostamento a Civitella Alfedena, visita al Museo del Lupo Appenninico e percorso storico sulla sua conservazione in Italia. Nel pomeriggio sistemazione in rifugio e breve escursione serale per cercare di ascoltare gli ululati. Cena con prodotti locali e pernottamento.

Day 3Il branco, una coppia e i suoi cuccioli

L’alba ci vedrà protagonisti nello splendido scenario del Pianoro Le Forme, ai piedi del Monte Meta e della catena delle Mainarde. Un luogo di forte impatto emotivo, con montagne aspre e selvagge. Escursione sino al Passo dei Monaci per tentare di avvistare anche cervi e camosci. Rientro nel pomeriggio a valle, cioccolata calda, degustazione di prodotti locali e partenza dei partecipanti.

Punti di forza
  • La reale possibilità di incontrare o ascoltare i lupi in natura
  • Il pranzo in rifugio accanto al camino e con atmosfera rilassante
  • I racconti e le storie dei pastori abruzzesi che per secoli hanno abitato queste montagne
  • La filosofia di questa iniziativa con un numero ristretto di partecipanti
Sistemazione

L’alloggio e i pasti possono essere organizzati per tutti i partecipanti assieme al nostro tour leader. Ovviamente sei libero di organizzarti diversamente se lo desideri, devi solo comunicarcelo al momento dell’iscrizione.

Cosa portare

Le escursioni prevedono una buona attività fisica è quindi consigliabile vestirsi a strati per avere la possibilità di potersi alleggerire durante la giornata. E’ necessario avere una giacca impermeabile, pile o maglione pesante, pantaloni invernali o pantaloni estivi con sotto calzamaglia e sopra gli antivento, calze calde e scarponcini da trekking, meglio se impermeabili. Uno zaino capiente per ricambio, attrezzatura personale e pranzo al sacco. Occhiali da sole, crema solare, guanti e berretto, indumenti caldi e antivento come cambio. Le ghette sono consigliate, ma non indispensabili.

Come arrivare

Pescasseroli è il centro principale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la più antica area protetta d’Italia, da quasi un secolo a garanzia della vita in armonia con la natura. E’ facilmente raggiungibile in auto attraverso tre punti di accesso. DA ROMA (A24 Roma-L’Aquila) In auto da Roma si percorre l’autostrada A24 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA PESCARA (A25 Roma-Pescara) In auto da Pescara si percorre l’autostrada A25 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA NAPOLI (A1 Napoli-Roma) In auto da Napoli si percorre l’A1 fino al casello di Caianello. Si imbocca la SS85 per Venafro e si prosegue sulla SR83 sino a Pescasseroli

E’ possibile arrivare anche in autobus con collegamenti giornalieri da Castel di Sangro e da Avezzano. Consulta gli orari su www.tuabruzzo.it I collegamenti in treno sono soltanto sino alla stazione di Avezzano. Per chi proviene da Roma è anche possibile consultare gli orari della compagnia Prontobus che effettua collegamenti dagli aeroporti di Roma e Ciampino verso l’Abruzzo.

 

Immagini