Traversata delle Mainarde

Un viaggio ricco di storia, natura ed emozioni attraverso sei vette che superano i duemila metri

PERIODO
Giugno-Ottobre

DURATA
10 ore

LUOGO
Alfedena, Abruzzo

GRUPPO
15 persone

LUNGHEZZA
20 km circa

DISLIVELLO
1230 m in salita – 1700 m in discesa

DIFFICOLTÀ
(E) Escursionisti esperti

L’escursione non presenta particolari difficoltà tecniche, è necessaria però una buona preparazione fisica per la lunghezza del percorso e l’ampio dislivello da affrontare.

Una lunga ed entusiasmante escursione sul crinale di una delle zone meno frequentate e più selvagge del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise. Un percorso ricco di storia, di natura e di emozioni che offre la possibilità di superare ben 6 vette oltre i 2.000 m.

Un viaggio che ci porterà indietro nel tempo presso la grotta del sanguinario brigante Domenico Fuoco che perse la vita nei pressi del Monte Meta nella notte tra il 17 e 18 agosto 1870, sulle trincee tedesche ancora ben visibili sul crinale di Monte Mare e Monte Marrone testimoni dell’avanzata del Corpo Italiano di Liberazione nella primavera del 1944 e nella capanna di Charles Moulin, singolare pittore che nei primi del ‘900 lasciò Parigi, da artista affermato, per vivere nella quasi completa solitudine di queste montagne.

I 2.160 metri del Monte a Mare si elevano nel punto in cui l’Italia peninsulare è più stretta. Nelle giornate terse questa cima offre la visuale sui due mari dell’Appennino. 

Camminando silenziosamente e con rispetto sarà possibile scorgere uno dei branchi storici di Camoscio appenninico, pascolare indisturbato tra dolci doline e aspre pareti.

Lascia che la pace della natura entri in te come i raggi del sole penetrano le fronde degli alberi. Lascia che i venti ti soffino dentro la loro freschezza e che i temporali ti carichino della loro energia. Allora le tue preoccupazioni cadranno come foglie d’autunno.

John Muir

Programma

Appuntamento all’alba al Pianoro Le Forme, Pizzone (IS). Partenza per l’itinerario che ci condurrà con un paio di ore di cammino al Passo dei Monaci, crocevia tra Molise che metteva in collegamento l’Abbazia di Castel San Vincenzo con quella del Monte Cassino. Percorreremo l’intero crinale della catena delle Mainarde in un saliscendi di cime e pendii ad una quota compresa tra i 1800 ed i 2200 m slm in un ambiente caratterizzato da praterie d’altitudine e fenomeni carsici. Lungo il percorso sarà sempre possibile godere di affacci panoramici sui versanti molisano e laziale del Parco. In condizioni ottimali di visibilità sarà possibile scorgere il Gran Sasso d’Italia, il Vesuvio, le Isole di Capri ed Ischia. Pranzo al sacco. Raggiunta la propaggine più meridionale della catena, il Monte Marrone, un agevole sentiero porta a valle attraverso una fitta faggeta.

Costi

Quota di partecipazione
€ 30 / per adulto

Cosa è incluso
Guida e organizzazione

Cosa è escluso
Trasporti e trasferimenti
Pranzo al sacco e spese personali
Assicurazione infortuni

Periodo consigliato

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise è un luogo d’incanto dove la natura selvaggia si offre in forme e colori a tratti inaspettati. Il posto che più di ogni altro custodisce gelosamente le sue origini, respinge tutto ciò che è rumoroso, abbraccia ancora oggi quell’antico legame tra uomo e natura. Un viaggio in questa regione può risultare indimenticabile da moltissimi punti di vista, ma senza ombra di dubbio può aiutarci a riscoprire una fugace pace interiore.

E’ soprattutto durante i mesi primaverili e autunnali che il territorio esprime il meglio dalle sue caratteristiche naturali e paesaggistiche e in questo arco temporale sono previste le tre partenze annuali. Per le disponibilità in tempo reale fai riferimento alle date a calendario.

Cosa portare

Le escursioni prevedono una buona attività fisica è quindi consigliabile vestirsi a strati per avere la possibilità di potersi alleggerire durante la giornata. In quota, anche in piena estate, il tempo può cambiare rapidamente e sono necessari indumenti caldi e antivento. Obbligatori, pena l’esclusione alla partenza, gli scarponcini da trekking, meglio se impermeabili.

COSA DEVO PORTARE
Zaino da montagna (25-35 litri)
Giacca impermeabile
Piumino
Pile o felpa
T-shirt di ricambio
Pantalone da trekking (lungo)
Scarponi da trekking
Berretto
Guanti leggeri
Crema protezione solare
Acqua (almeno 2 l)
Pranzo al sacco

Garanzia di rimborso Covid

Se il tuo viaggio viene annullato causa Covid, puoi scegliere una nuova data o richiedere il rimborso completo.

Guide locali abilitate

Il nostro team di guide conosce perfettamente il territorio, come gestire il maltempo e come farvi sentire sempre sicuri.

Regala questa esperienza

Con i nostri buoni regalo hai la certezza di fare centro. Un compleanno, il Natale, un’occasione speciale: trovi un buono regalo per ogni esigenza!

Domande frequenti

E' possibile partecipare anche se si viaggia soli?

Naturalmente si, una buona percentuale dei partecipanti è costituita da persone sole. Può essere una buona occasione per incontrare persone e condividere esperienze e passioni.

Possono partecipare i bambini?

L’età minima consigliata per questa attività è di 14+ anni con qualche esperienza pregressa in ambito escursionistico.

Posso riservare una guida per il mio gruppo?

Si, previa disponibilità è possibile richiedere la quotazione per un tour privato.

Ci fermeremo in un punto ristoro?

Durante questa escursione non incontreremo rifugi adibiti a punto ristoro, è pertanto necessario il pranzo al sacco.

È prevista una copertura assicurativa?

Come da riferimento normativo ogni guida dispone dell’abilitazione all’esercizio della professione ed è in possesso di una polizza assicurativa RCT professionale.

Potete stipulare una polizza integrativa per il vostro viaggio in maniera facile e veloce con World Nomads. Oltre alla classica polizza infortuni è prevista una copertura anche in caso di rinuncia al viaggio per motivi di salute o per la perdita del bagaglio.

Cosa succede in caso di maltempo?

Trattandosi di un’attività svolta in ambiente montano può capitare una giornata di maltempo. Le nostre guide si riservano di valutare le condizioni meteorologiche a poche ore dall’evento e, nel caso in cui le stesse non permettessero una completa fruizione dell’esperienza, di rinviare la stessa.

In tal caso è possibile scegliere una nuova data, richiedere un buono regalo per una delle attività a calendario o ottenere il rimborso per la mancata esperienza.

La profonda conoscenza del territorio permette di confermare gran parte degli eventi in programma. Ricorda di avere con te tutto l’equipaggiamento necessario e l’abbigliamento consigliato.

Posso arrivare sul posto con i mezzi pubblici?

Il Pianoro Le Forme ricade nel comune di Pizzone, nel versante molisano del Parco. E’ facilmente raggiungibile in auto da ROMA (A1 Roma-Napoli) uscita di San Vittore e da NAPOLI (A1 Roma-Napoli) uscita di Caianello seguendo la SS158 sino all’uscita Alfedena/Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise. Da li facili indicazioni per il centro abitato. Da PESCARA (A25 Pescara-Roma) sino all’uscita di Pratola Peligna. Si prosegue sulla SS17 in direzione Castel di Sangro e sino all’uscita Alfedena/Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise. Da li facili indicazioni per il centro abitato.

E’ possibile arrivare in autobus a Pizzone con i collegamenti delle autolinee CASNA. Info e orari su www.casna.it

Richiedi informazioni

    Acconsento al trattamento dei miei dati secondo la nota informativa, per la gestione della richiesta.