Risvegli di Primavera

Workshop di fotografia naturalistica nel Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise

PERIODO
Maggio-Giugno

DURATA
3 giorni-2 notti

LUOGO
Pescasseroli, Abruzzo

GRUPPO
12 persone

ALLOGGIO
B&B, Albergo

LUNGHEZZA
5-10 km al giorno

DISLIVELLO
200-600 m al giorno

DIFFICOLTÀ
(E) Escursionistica

Il trekking non presenta difficoltà tecniche ma è necessaria una predisposizione escursionistica, si cammina con zaino in spalla e si resta fuori in gran parte della giornata.

La primavera è la stagione del risveglio e uno dei momenti migliori per visitare il Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise; la varietà delle fioriture, le gemme che poco alla volta si schiudono, i versi e i richiami degli animali che riprendono le attività, il fruscio delle chiome degli alberi offrono mille occasioni per scoprire la natura.

Il tour è dedicato a tutti gli appassionati che vogliono avvicinarsi e approfondire le tecniche di ripresa del paesaggio e delle fioriture, combinando escursioni ed esercitazioni pratiche nella superba cornice naturale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise con il supporto di un fotografo naturalista.

Cosa posso imparare?

Scelta dell’attrezzatura fotografica;
Consigli pratici di ripresa sul campo;
Comprensione e gestione della luce naturale;
Pulizia attrezzatura, accessori utili, consigli e trucchi dei per i viaggi;
Come ottenere il meglio dalla propria macchina fotografica;
L’utilizzo creativo dell’accoppiata tempi-diaframmi;
L’utilizzo dei filtri nella fotografia di paesaggio;

Quando ci si toglie certi schemi mentali il mondo appare ed è diverso. Nella solitudine ci si saluta con un pastore sconosciuto incontrato per caso, già da cinquanta metri prima, mentre in autobus o in ascensore non ci si guarda in faccia…

Luigi Colantonio

Programma

GIORNO 1 – La Difesa di Pescasseroli, il bosco delle favole
Arrivo a Pescasseroli in mattinata, sistemazione dei partecipanti in albergo e presentazione della guida e dei percorsi. Pranzo libero nel borgo di Pescasseroli. Nel pomeriggio escursione e attività di ripresa fotografica attraverso i boschi secolari della Difesa di Pescasseroli e possibilità di fotografare alcuni endemismi come le fioriture di Iris Marsica. In serata intervento del personale del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise. Cena e pernottamento.
3 ore di cammino · 200 m in salita · 200 m in discesa

GIORNO 2 – La Val di Rose, dove volano i Camosci
In mattinata escursione da Civitella Alfedena attraverso la Val di Rose e sino al Rifugio di Forca Resuni. I boschi di faggio lasciano spazio a praterie d’alta quota dove, circondati da splendide pareti rocciose e immensi ghiaioni, si possono incontrare i camosci. Sulle praterie avremo la possibilità di fotografare genziane, nigritelle e numerose altre orchidee. Pranzo al sacco a ridosso del Rifugio di Forca Resuni, esercizi pratici legati alla fotografia di paesaggio e rientro a fondovalle in serata.
6 ore di cammino · 800 m in salita · 800 m in discesa

GIORNO 3 – La Difesa di Pescasseroli, il bosco delle favole
All’alba partenza per una tranquilla passeggiata a ridosso del Lago di Barrea dove si creano giochi di luci ed ombre ed è possibile scorgere i cervi al pascolo. Dopo una pausa caffè, breve escursione nella Riserve Integrale della Camosciara con la possibilità di fotografare la Scarpetta di Venere. Pranzo in hotel con prodotti della tradizione locale. Nel pomeriggio lezione in aula e sviluppo dei files fotografici presso la nostra sede di Largo Molinari.
3 ore di cammino · 200 m in salita · 200 m in discesa

Costi

Quota di partecipazione
€ 140 / fotografo
€ 80 / accompagnatore non fotografo

Cosa è incluso
Guida e organizzazione
Lezioni in aula e sul campo

Cosa è escluso
Soggiorno in albergo
Pranzi al sacco
Extra e spese personali
Assicurazione infortuni

Tour leader

Umberto Esposito è una guida naturalistica iscritta al Collegio Guide Alpine Abruzzo e un fotografo e documentarista che lavora a cavallo tra Abruzzo e Molise una delle rare zone dell’Europa Occidentale dove, nelle vaste foreste di faggio che ammantano i monti o nelle alte praterie rupestri, è ancora possibile imbattersi in animali come l’Orso marsicano, il Camoscio appenninico, il Lupo e l’Aquila reale. Un incontro alla fine degli anni novanta con gli orsi presenti nella valle e l’emozione per le prime immagini realizzate, lo hanno guidato verso quella che oggi è diventata la sua professione. Crescendo ha avuto modo di esplorare, conoscere e apprezzare queste montagne. Oggi cerca di trasmettere quelle stesse emozioni provate da ragazzo a coloro che frequentano con lui i sentieri e le montagne dell’Appennino Centrale. Ha pubblicato articoli ed immagini su Oasis, Trekking&Outdoor, DOVE Viaggi, DRepubblica, Speciale “Qui Touring” del Touring Club Italiano. E’ co-autore del progetto Forestbeat e del libro Il Segreto dei Giganti a sostegno della candidatura UNESCO per le foreste del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise.

Cibo e sistemazione

L’alloggio e i pasti possono essere organizzati per tutti i partecipanti assieme al nostro tour leader. Ovviamente sei libero di organizzarti diversamente se lo desideri, devi solo comunicarcelo al momento dell’iscrizione.

Scegliamo piccoli alberghi a conduzione familiare con sistemazione base in camera doppia. La colazione è sia dolce che salata, con numerose torte fatte in casa e buon caffè. La sera gusteremo i piatti della tradizione abruzzese. Ogni mattina avremo modo di acquistare un pranzo al sacco dai negozi e panetterie locali in maniera da ottimizzare le giornate in natura.

Le richieste per menù vegetariani, vegani o regimi dietetici particolari possono essere soddisfatte: ricorda di indicare queste preferenze in fase di prenotazione.

Cosa portare

Le escursioni prevedono una buona attività fisica è quindi consigliabile vestirsi a strati per avere la possibilità di potersi alleggerire durante la giornata.

ATTREZZATURA FOTOGRAFICA RICHIESTA
Il programma privilegia la fase di scatto rispetto alla post-produzione: sono previste brevi sessioni in aula e la maggiorparte del tempo sarà impiegato a ricercare le migliori condizioni per ottenere scatti interessanti. Non è pertanto richiesto l’utilizzo di un computer portatile. Una volta terminato il weekend fotografico sarete invitati in un gruppo privato su facebook in cui potrete condividere le vostre foto con i docenti e gli altri partecipanti, in maniera da avviare la parte di confronto, commento e analisi delle immagini.

ATTREZZATURA FOTOGRAFICA CONSIGLIATA
Obiettivo zoom grandangolare (es. 16-35 su full frame)
Obiettivo zoom medio (es. 24-70 o 24-120 su full frame)
Obiettivo zoom tele (es. 70-200 o 70-300 su full frame)
Filtri fotografici (polarizzatore circolare, ND, GND, ecc.)
Kit di pulizia con pompetta, panno in microfibra, pennellino

COSA DEVO PORTARE

ABBIGLIAMENTO
Giacca impermeabile
Piumino
Pile o felpa
T-shirts di ricambio
Pantaloni da trekking (lungo)
Sovrapantaloni impermeabili
Calzini di ricambio
Scarponi da trekking
Berretto
Guanti leggeri

EQUIPAGGIAMENTO
Zaino da montagna (40+ litri)
Coprizaino per la pioggia
Borraccia o thermos (almeno 1 lt)
Torcia frontale
Crema protezione solare
Gel disinfettante

Garanzia di rimborso Covid

Se il tuo viaggio viene annullato causa Covid, puoi scegliere una nuova data o richiedere il rimborso completo.

Guide locali abilitate

Il nostro team di guide conosce perfettamente il territorio, come gestire il maltempo e come farvi sentire sempre sicuri.

Regala questa esperienza

Con i nostri buoni regalo hai la certezza di fare centro. Un compleanno, il Natale, un’occasione speciale: trovi un buono regalo per ogni esigenza!

Domande frequenti

E' possibile partecipare anche se si viaggia soli?

Naturalmente si, una buona percentuale dei partecipanti è costituita da persone sole. Può essere una buona occasione per incontrare persone e condividere esperienze e passioni.

Non ho tutta l'attrezzatura consigliata, posso comunque partecipare?

Certo, durante il seminario ci sarà la possibilità di utilizzare ottiche e accessori messe a disposizione dal docente.

Possono partecipare accompagnatori non fotografi?

Si certo, basta comunicarlo al momento dell’iscrizione. Per gli accompagnatori è prevista una quota per la sola partecipazione alle escursioni.

Posso riservare una guida per il mio gruppo?

Si, previa disponibilità è possibile richiedere la quotazione per un tour privato in altre date.

E' prevista una polizza assicurativa?

Come da riferimento normativo ogni guida dispone dell’abilitazione all’esercizio della professione ed è in possesso di una polizza assicurativa RCT professionale.

Potete stipulare una polizza integrativa per il vostro viaggio in maniera facile e veloce con World Nomads. Oltre alla classica polizza infortuni è prevista una copertura anche in caso di rinuncia al viaggio per motivi di salute o per la perdita del bagaglio.

Cosa succede in caso di maltempo?

I mesi primaverili presentano un clima tipicamente mediterraneo con temperature gradevoli e splendidi tramonti. Naturalmente può capitare una giornata di maltempo in grado di condizionare la singola uscita. Le nostre guide modificheranno l’itinerario in base alle condizioni meteorologiche per assicurarti comunque la migliore esperienza possibile.

Ricorda di avere con te tutto l’equipaggiamento necessario e l’abbigliamento consigliato.

Posso lasciare i miei bagagli da qualche parte?

Qualsiasi bagaglio non necessario può essere lasciato presso la nostra sede di Pescasseroli. Potranno essere ritirati alla fine del viaggio.

Posso arrivare sul posto con i mezzi pubblici?

Pescasseroli è il centro principale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la più antica area protetta d’Italia, da quasi un secolo a garanzia della vita in armonia con la natura. E’ facilmente raggiungibile in auto attraverso tre punti di accesso.

DA ROMA (A24 Roma-L’Aquila) In auto da Roma si percorre l’autostrada A24 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA PESCARA (A25 Roma-Pescara) In auto da Pescara si percorre l’autostrada A25 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA NAPOLI (A1 Napoli-Roma) In auto da Napoli si percorre l’A1 fino al casello di Caianello. Si imbocca la SS85 per Venafro e si prosegue sulla SR83 sino a Pescasseroli.

Pescasseroli è raggiungibile anche in autobus con il servizio pubblico Tua Abruzzo e collegamenti giornalieri da Castel di Sangro e da Avezzano. Per chi proviene da Roma è anche possibile consultare gli orari delle compagnie Flixbus e Prontobus che effettuano collegamenti dagli aeroporti di Roma e Ciampino verso l’Abruzzo.

Richiedi informazioni

    Acconsento al trattamento dei miei dati secondo la nota informativa, per la gestione della richiesta.