(+39) 0863.1856566 info@wildlifeadventures.it
enit

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Nazione*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login
  • Il Lago Pantaniello alimentato dallo scioglimento delle nevi primaverili

Lago Pantaniello, ritorno all’era glaciale

0
Prezzo
da€30
Prezzo
da€30
Prenotazione
Informazioni
Nome e Cognome*
Indirizzo email*
La tua richiesta*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step
Disponibili: 15 posti
* Si prega di selezionare tutti i campi richiesti per procedere al passaggio successivo.

Prenota

Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

493
7 ore
Periodo : Aprile / Giugno
Età consigliata : 14+
Max partecipanti : 15

Una lunga escursione tra circhi glaciali, pascoli d’alta quota e splendide vette ci permetterà di conoscere una delle zone più remote e meno note dell’Appennino centrale. L’itinerario proposto è lungo, ma non presenta particolari difficoltà tecniche e permette di attraversare uno dei paesaggi più belli ed insoliti del Parco, raggiungendo, a 1818 m, uno dei suoi due unici laghi naturali, nonché il secondo per altitudine dell’intero Appennino.

Dettagli

Nell’ambiente brullo e apparentemente desolato delle praterie sommitali dei Monti di Chiarano e del Monte Greco, caratterizzato da morene, circhi glaciali e da frequenti fenomeni carsici, il piccolo lago Pantaniello, dalle acque trasparenti e poco profonde, sembra quasi un miraggio. Si tratta di un bacino di origine glaciale, alimentato da risorgive sotterranee, il cui flusso è ostacolato dai depositi morenici dei pendii circostanti. Il periodo migliore per visitare la zona è quello primaverile, quando il disgelo inizia a liberare dalla coltre nevosa le acque del lago e i pascoli circostanti, mentre lingue di neve addolciscono i profili delle montagne, ricordando vagamente le luci e i paesaggi dell’Islanda o della Lapponia.

Difficoltà

(EE) Escursionisti esperti L’escursione si svolge interamente su sentiero di montagna con salite e discese di media pendenza. E’ necessario un buon impegno fisico per la lunghezza dell’itinerario.

Dislivello

750 m in salita e discesa

Lunghezza

18 km circa a/r

Quota di partecipazione

Cosa è incluso

  • Guida e organizzazione

Cosa è escluso

  • Trasporti e trasferimenti
  • Extra e spese personali
Itinerario

Day 1Lago Pantaniello, ritorno all'era glaciale

Appuntamento a Villetta Barrea alle ore 8 e trasferimento in auto per raggiungere Passo Godi. Scendendo dal parcheggio si accarezza il pianoro utilizzato in inverno per lo sci nordico. Il sentiero attraversa a svolte e in ripida ascesa un lembo di faggeta e prosegue sul pendio erboso che conduce in breve tempo al Valico dello Scalone. Da qui lo sguardo può spaziare sui boscosi crinali del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise e sui desolati pendii della Valle Cupa. Il panorama è magnifico. Dopo aver attraversato la valle si prosegue attraverso la cresta ovest del monte Greco e ci si affaccia sullo splendido lago naturale di Pantaniello. Raggiunto il Valico di Serra Chiarano e lo Stazzo dell’Affogata si torna a valle attraverso una fitta faggeta. In serata prima della partenza c’è la possibilità di effettuare una piccola degustazione di prodotti locali presso la Vineria Vallis Regia.

Punti di forza
  • La possibilità di incrociare con lo sguardo il volo dell’Aquila reale
  • La possibilità di osservare il Gammarus lacustris che vive qui e in poche altre località della catena appenninica
  • Gracchi corallini, codirossi spazzacamino e coturnici sui pascoli di quota
  • Una piccola degustazione serale presso la Vineria del Parco
Cosa portare

E’ consigliabile vestirsi a strati per avere la possibilità di potersi alleggerire durante la giornata. E’ necessario avere una giacca impermeabile, pantaloni lunghi e scarponcini da trekking. Uno zaino con pranzo al sacco e acqua per la giornata. Consigliati guanti e berretto di lana.

Come arrivare

Villetta Barrea è uno dei centri abitati del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la più antica area protetta d’Italia, da quasi un secolo a garanzia della vita in armonia con la natura. E’ facilmente raggiungibile in auto attraverso tre punti di accesso. DA ROMA (A24 Roma-L’Aquila) In auto da Roma si percorre l’autostrada A24 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli e successivamente sino a Villetta Barrea. DA PESCARA (A25 Roma-Pescara) In auto da Pescara si percorre l’autostrada A25 fino al casello di Cocullo. Si prosegue sulla SR479 in direzione Scanno e fino a Villetta Barrea. DA NAPOLI (A1 Napoli-Roma) In auto da Napoli si percorre l’A1 fino al casello di Caianello. Si imbocca la SS85 per Venafro e si prosegue sulla SR83 sino a Villetta Barrea

E’ possibile arrivare anche in autobus con collegamenti giornalieri da Castel di Sangro e da Avezzano. Consulta gli orari su www.tuabruzzo.it I collegamenti in treno sono soltanto sino alla stazione di Avezzano. Per chi proviene da Roma è anche possibile consultare gli orari della compagnia Prontobus che effettua collegamenti dagli aeroporti di Roma e Ciampino verso l’Abruzzo.

Immagini