• Il grande anfiteatro di Monte Valle Caprara

La Valle della Cicerana e le rovine di Lecce in e-bike

0
Prezzo
da€40
Prezzo
da€40
Prenotazione
Informazioni
Nome e Cognome*
Indirizzo email*
La tua richiesta*
Disponibili: 8 posti
* Si prega di selezionare tutti i campi richiesti per procedere al passaggio successivo.

Prenota

Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

362
5 ore
Periodo : Aprile / Ottobre
Età consigliata : 14+
Max partecipanti : 15

Attraversando l’Altopiano della Cicerana avremo modo raggiungere le rovine di Lecce Vecchio, un caratteristico borgo situato a 1350 m slm distrutto dallo sconvolgente terremoto del 1915. Un percorso che ci consente di esplorare una delle aree più interessanti del Parco e attraversare tutta una serie di scenari molto suggestivi, nonché momenti salienti della storia antica e recente del territorio.

Dettagli

La grande vallata della Cicerana è ancora oggi utilizzata per il pascolo delle greggi e nelle serate estive il suono dei campanacci delle pecore e i latrati dei cani si mescolano ai canti dei tanti uccelli di ambienti aperti, come quaglie, zigoli gialli, prispoloni e averle, qui ancora presenti in buon numero. Nelle altre stagioni, l’area è piuttosto tranquilla e, al crepuscolo, talvolta si possono osservare orsi e altri grandi mammiferi del Parco avventurarsi allo scoperto per pascolare nella prateria.

Livello

(MC) Cicloescursionisti di media capacità tecnica Percorso su sterrate con fondo poco sconnesso o poco irregolare (tratturi, carrarecce…) o su sentieri con fondo compatto e scorrevole

Dislivello

400 m in salita e discesa

Lunghezza

20 km circa a/r

Fondo stradale

Asfalto 10% – Sterrato 70% – Sentiero 20%

Quota di partecipazione

Cosa è incluso

  • Guida e organizzazione
  • Noleggio e-mountain-bike
  • Noleggio casco e zaino
  • Aperitivo in rifugio

Cosa è escluso

  • Trasporti e trasferimenti
  • Extra e spese personali
Itinerario

Day 1La Valle della Cicerana e le rovine di Lecce in e-bike

Appuntamento presso la nostra sede di Largo Molinari alle 9.30. Incontro con la guida, presentazione del programma e consegna delle attrezzature. Dal Rifugio del Diavolo una comoda sterrata conduce all’ampio Pianoro della Cicerana caratterizzato da innumerose doline e boschi affascinanti. Arriveremo a toccare le rovine di Lecce Vecchio, un insediamento dei Marsi, distrutto dai Romani durante le guerre italiche e successivamente ricostruito all’indomani delle crociate in Terra Santa. Una salita più impegnativa ci permetterà di raggiungere l’Ecorifugio della Cicerana per una sosta rinfrescante e un ottimo aperitivo. Il rientro a valle è programmato per le 14.

Punti di forza
  • La visuale panoramica sulla catena del Velino e sui monti del Parco
  • La storia, il fascino e il mistero dell'antico borgo di Lecce Vecchio
  • La possibilità di incrociare i segni di presenza dell'Orso bruno marsicano
  • L'aperitivo in rifugio con prodotti biologici e locali
Mountain bike

I gruppi sono ridotti a un massimo di 15 partecipanti assieme al nostro tour-leader. Per offrirvi il meglio abbiamo selezionato le Fathom E+ di Giant Bicycles. Si tratta di un’ottima scelta per XC e terreni singletrack. Un telaio leggero in alluminio e una struttura adatta ai trail aiutano a sperimentare la corsa su strada come mai prima d’ora. La tecnologia del motore SyncDrive Sports offre un potenza fluida e istantanea che permette di divertirsi su tutti i tipi di terreno.

Ovviamente sei libero di organizzarti diversamente se lo desideri, utilizzando la tua mountain bike o e-bike e partecipando alle attività guidate con una quota ridotta a € 15,00. Devi solo comunicarcelo al momento dell’iscrizione.

Cosa portare

E’ consigliabile un abbigliamento sportivo e a strati per avere la possibilità di potersi alleggerire durante la giornata. E’ necessario avere una giacca impermeabile, scarpe da ginnastica o da escursionismo leggero. Uno zainetto con snack e acqua per la giornata.

Come arrivare

Pescasseroli è il centro principale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la più antica area protetta d’Italia, da quasi un secolo a garanzia della vita in armonia con la natura. E’ facilmente raggiungibile in auto attraverso tre punti di accesso. DA ROMA (A24 Roma-L’Aquila) In auto da Roma si percorre l’autostrada A24 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA PESCARA (A25 Roma-Pescara) In auto da Roma si percorre l’autostrada A25 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA NAPOLI (A1 Napoli-Roma) In auto da Napoli si percorre l’A1 fino al casello di Caianello. Si imbocca la SS85 per Venafro e si prosegue sulla SR83 sino a Pescasseroli

E’ possibile arrivare anche in autobus con collegamenti giornalieri da Castel di Sangro e da Avezzano. Consulta gli orari su www.tuabruzzo.it I collegamenti in treno sono soltanto sino alla stazione di Avezzano. Per chi proviene da Roma è anche possibile consultare gli orari della compagnia Prontobus che effettua collegamenti dagli aeroporti di Roma e Ciampino verso l’Abruzzo.

Immagini