• Il grande anfiteatro di Monte Valle Caprara

La Valle della Cicerana e le rovine di Lecce in e-bike

0
Prezzo
da€40
Prezzo
da€40
Prenotazione
Informazioni
Nome e Cognome*
Indirizzo email*
La tua richiesta*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step
The tour is not available yet.

Prenota

Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

724
5 ore
Periodo : Aprile / Ottobre
Età consigliata : 14+
Max partecipanti : 15

Attraversando l’Altopiano della Cicerana avremo modo raggiungere le rovine di Lecce Vecchio, un caratteristico borgo situato a 1350 m slm distrutto dallo sconvolgente terremoto del 1915. Un percorso che ci consente di esplorare una delle aree più interessanti del Parco e attraversare tutta una serie di scenari molto suggestivi, nonché momenti salienti della storia antica e recente del territorio.

Dettagli

La grande vallata della Cicerana è ancora oggi utilizzata per il pascolo delle greggi e nelle serate estive il suono dei campanacci delle pecore e i latrati dei cani si mescolano ai canti dei tanti uccelli di ambienti aperti, come quaglie, zigoli gialli, prispoloni e averle, qui ancora presenti in buon numero. Nelle altre stagioni, l’area è piuttosto tranquilla e, al crepuscolo, talvolta si possono osservare orsi e altri grandi mammiferi del Parco avventurarsi allo scoperto per pascolare nella prateria.

Livello

(MC) Cicloescursionisti di media capacità tecnica Percorso su sterrate con fondo poco sconnesso o poco irregolare (tratturi, carrarecce…) o su sentieri con fondo compatto e scorrevole

Dislivello

400 m in salita e discesa

Lunghezza

20 km circa a/r

Fondo stradale

Asfalto 10% – Sterrato 70% – Sentiero 20%

Quota di partecipazione

Cosa è incluso

  • Guida e organizzazione
  • Noleggio e-mountain-bike
  • Noleggio casco e zaino
  • Aperitivo in rifugio

Cosa è escluso

  • Trasporti e trasferimenti
  • Extra e spese personali
Itinerario

Day 1La Valle della Cicerana e le rovine di Lecce in e-bike

Appuntamento presso la nostra sede di Largo Molinari alle 9.30. Incontro con la guida, presentazione del programma e consegna delle attrezzature. Dal Rifugio del Diavolo una comoda sterrata conduce all’ampio Pianoro della Cicerana caratterizzato da innumerose doline e boschi affascinanti. Arriveremo a toccare le rovine di Lecce Vecchio, un insediamento dei Marsi, distrutto dai Romani durante le guerre italiche e successivamente ricostruito all’indomani delle crociate in Terra Santa. Una salita più impegnativa ci permetterà di raggiungere l’Ecorifugio della Cicerana per una sosta rinfrescante e un ottimo aperitivo. Il rientro a valle è programmato per le 14.

Punti di forza
  • La visuale panoramica sulla catena del Velino e sui monti del Parco
  • La storia, il fascino e il mistero dell'antico borgo di Lecce Vecchio
  • La possibilità di incrociare i segni di presenza dell'Orso bruno marsicano
  • L'aperitivo in rifugio con prodotti biologici e locali
Mountain bike

I gruppi sono ridotti a un massimo di 15 partecipanti assieme al nostro tour-leader. Per offrirvi il meglio abbiamo selezionato le Fathom E+ di Giant Bicycles. Si tratta di un’ottima scelta per XC e terreni singletrack. Un telaio leggero in alluminio e una struttura adatta ai trail aiutano a sperimentare la corsa su strada come mai prima d’ora. La tecnologia del motore SyncDrive Sports offre un potenza fluida e istantanea che permette di divertirsi su tutti i tipi di terreno.

Ovviamente sei libero di organizzarti diversamente se lo desideri, utilizzando la tua mountain bike o e-bike e partecipando alle attività guidate con una quota ridotta a € 15,00. Devi solo comunicarcelo al momento dell’iscrizione.

Cosa portare

E’ consigliabile un abbigliamento sportivo e a strati per avere la possibilità di potersi alleggerire durante la giornata. E’ necessario avere una giacca impermeabile, scarpe da ginnastica o da escursionismo leggero. Uno zainetto con snack e acqua per la giornata.

Come arrivare

Pescasseroli è il centro principale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la più antica area protetta d’Italia, da quasi un secolo a garanzia della vita in armonia con la natura. E’ facilmente raggiungibile in auto attraverso tre punti di accesso. DA ROMA (A24 Roma-L’Aquila) In auto da Roma si percorre l’autostrada A24 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA PESCARA (A25 Roma-Pescara) In auto da Roma si percorre l’autostrada A25 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA NAPOLI (A1 Napoli-Roma) In auto da Napoli si percorre l’A1 fino al casello di Caianello. Si imbocca la SS85 per Venafro e si prosegue sulla SR83 sino a Pescasseroli

E’ possibile arrivare anche in autobus con collegamenti giornalieri da Castel di Sangro e da Avezzano. Consulta gli orari su www.tuabruzzo.it I collegamenti in treno sono soltanto sino alla stazione di Avezzano. Per chi proviene da Roma è anche possibile consultare gli orari della compagnia Prontobus che effettua collegamenti dagli aeroporti di Roma e Ciampino verso l’Abruzzo.

Immagini