• L'affascinante Lago Vivo a inizio Primavera

Lago vivo, la bellezza della natura senza confini

0
Prezzo
da€20
Prezzo
da€20
Prenotazione
Informazioni
Nome e Cognome*
Indirizzo email*
La tua richiesta*
The tour is not available yet.

Prenota

Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

597
7 ore
Periodo : Aprile / Maggio
Età consigliata : 9+
Max partecipanti : 15

Adagiato in una conca carsica, ai piedi di uno tra gli anfiteatri più belli del territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise questo luogo regala agli occhi di chi lo raggiunge panorami coinvolgenti, bellezze di interesse naturalistico e geologico e cela le tradizioni del mondo pastorale.

Dettagli

Il sentiero che sale al Lago Vivo è uno dei più frequentati del territorio del Parco. Si tratta di una meta escursionistica che in breve tempo permette di raggiungere uno dei due bacini lacustri di origine naturale dell’area protetta e di entrare a contatto con un ambiente davvero affascinante.

Difficoltà

(E) Escursionistica L’escursione non presenta difficoltà tecniche, si svolge su sentieri di montagna in buona parte boscate con salite e discese di media pendenza.

Dislivello

500 m in salita e discesa

Lunghezza

12 km circa a/r

Quota di partecipazione

Cosa è incluso

  • Guida e organizzazione

Cosa è escluso

  • Trasporti e trasferimenti
  • Extra e spese personali
Itinerario

Day 1Lago Vivo, nel cuore del Parco

Appuntamento a Pescasseroli alle ore 8.30. Incontro con la guida presso la nostra sede di Largo Molinari. Partenza in auto verso il piccolo borgo di Barrea. Una comoda carrareccia ci permette di raggiungere il Vallone dell’Inferno e di godere di un panorama ampio su tutta l’antica Vallis Regia. Immersi in una bella faggeta, caratterizzata anche dalla presenza dell’Acero di Lobelii, avremo modo di raggiungere la depressione carsica che ospita il Lago Vivo che in Primavera raggiunge il suo massimo splendore. Dopo aver effettuato il pranzo al sacco concluderemo uno splendido anello sorvolando sulle terrazze del Rio Torto e rientrando a valle nel pomeriggio.

Punti di forza
  • La visuale unica sul lago e sul borgo fortificato di Barrea
  • La possibilità di osservare cervi e camosci sui pascoli di quota
  • Le numerose fioriture primaverili lungo il nostro cammino
Cosa portare

E’ consigliabile vestirsi a strati per avere la possibilità di potersi alleggerire durante la giornata. E’ necessario avere una giacca impermeabile, pantaloni lunghi e scarponcini da trekking leggero. Uno zaino capiente con pranzo al sacco e acqua per la giornata.

Come arrivare

Pescasseroli è il centro principale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la più antica area protetta d’Italia, da quasi un secolo a garanzia della vita in armonia con la natura. E’ facilmente raggiungibile in auto attraverso tre punti di accesso. DA ROMA (A24 Roma-L’Aquila) In auto da Roma si percorre l’autostrada A24 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA PESCARA (A25 Roma-Pescara) In auto da Pescara si percorre l’autostrada A25 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA NAPOLI (A1 Napoli-Roma) In auto da Napoli si percorre l’A1 fino al casello di Caianello. Si imbocca la SS85 per Venafro e si prosegue sulla SR83 sino a Pescasseroli

E’ possibile arrivare anche in autobus con collegamenti giornalieri da Castel di Sangro e da Avezzano. Consulta gli orari su www.tuabruzzo.it I collegamenti in treno sono soltanto sino alla stazione di Avezzano. Per chi proviene da Roma è anche possibile consultare gli orari della compagnia Prontobus che effettua collegamenti dagli aeroporti di Roma e Ciampino verso l’Abruzzo.

Immagini