Gli amori dei cervi

Da EUR 120

Torna a Settembre il consueto appuntamento con la stagione del bramito in una delle aree protette più affascinanti d’Italia. I maschi in età riproduttiva danno vita ad antichi rituali di lotta e corteggiamento, facilmente osservabili durante le escursioni. Gli esemplari più forti saranno impegnati a stabilire le gerarchie di dominio nei confronti degli altri maschi per assicurarsi il diritto all’accoppiamento e permettendo la riproduzione della specie. 

Da EUR 120

+0 Opzioni aggiuntive

Prenota

IN PROGRAMMA

Sabato 15 Settembre 2018 – Domenica 16 Settembre 2018
Sabato 22 Settembre 2018 – Domenica 23 Settembre 2018
Sabato 29 Settembre 2018 – Domenica 30 Settembre 2018

 

Nel bosco si percepisce movimento. Giochi di luce, nebbia e vento. Bramiti flebili in lontananza e suoni primordiali che riecheggiano nella foresta. Due giorni in natura e un'incredibile suggestione.

PROGRAMMA

GIORNO 1

Incontro con la guida e presentazione del programma presso la nostra sede di Largo Molinari. In serata breve escursione per poter ascoltare i bramiti e osservare i cervi al tramonto. Sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

 

GIORNO 2

Prima dell’alba una veloce colazione e partenza in notturna per una escursione in quota sino a frequentare le arene di combattimento. Attraversando foreste di faggio inizieremo ad ascoltare i bramiti che man mano si faranno sempre più forti e vicini. Pranzo al sacco. Il rientro è programmato nel pomeriggio con la possibilità di una doccia calda prima di lasciare definitivamente le stanze.


QUOTA INDIVIDUALE

COMPRENDE

Guida e organizzazione
Sistemazione in albergo a conduzione familiare
 

NON COMPRENDE

Eventuali brevi spostamenti in auto
Extra e spese personali


COSA PORTARE

Le escursioni prevedono una buona attività fisica è quindi consigliabile vestirsi a strati per avere la possibilità di potersi alleggerire durante la giornata. E’ necessario avere una giacca impermeabile, pantaloni lunghi e scarponcini da trekking, meglio se impermeabili. Occhiali da sole, guanti e berretto di lana, indumenti caldi e antivento, una t-shirt di ricambio. Spray repellente per gli insetti e creme solari soltanto se inodori.

COME ARRIVARE

Pescasseroli è il centro principale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la più antica area protetta d’Italia, da quasi un secolo a garanzia della vita in armonia con la natura. E’ facilmente raggiungibile in auto attraverso tre punti di accesso. DA ROMA (A24 Roma-L’Aquila) In auto da Roma si percorre l’autostrada A24 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA PESCARA (A25 Roma-Pescara) In auto da Roma si percorre l’autostrada A25 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA NAPOLI (A1 Napoli-Roma) In auto da Napoli si percorre l’A1 fino al casello di Caianello. Si imbocca la SS85 per Venafro e si prosegue sulla SR83 sino a Pescasseroli

E’ possibile arrivare anche in autobus con collegamenti giornalieri da Castel di Sangro e da Avezzano. Consulta gli orari su www.tuabruzzo.it I collegamenti in treno sono soltanto sino alla stazione di Avezzano. Per chi proviene da Roma è anche possibile consultare gli orari della compagnia Prontobus che effettua collegamenti dagli aeroporti di Roma e Ciampino verso l’Abruzzo.

In evidenza

  • Escursioni tra immense faggete e panorami suggestivi
  • La filosofia di questo evento con un numero ristretto di partecipanti
  • La buona cucina, serate accanto al fuoco acceso e un buon Montepulciano d’Abruzzo

Itinerario

  1. Pescasseroli