Wolf tracking in Abruzzo

Prenota Richiedi prenotazione

Da EUR 95

In natura sicuramente non c’è un animale che più del lupo abbia colpito l’immaginazione dell’uomo fin dalla più remota antichità. Un magnifico predatore, intelligente ed adattabile, capace di percorrere grandi distanze e di sopravvivere in ambienti difficili e con scarse risorse alimentari. A partire da un numero sparuto (probabilmente meno di 100) di lupi sopravvissuti nell’Appennino centro-meridionale verso la fine degli anni ’60, il lupo in Italia ha lentamente ma progressivamente espanso il proprio areale attraverso un processo di ricolonizzazione spontanea durante gli ultimi 30-40 anni. Oggi una popolazione strutturata in un minimo di 8 branchi residenti è presente nel territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise. 

Da EUR 95

Prenota Richiedi prenotazione

EVENTI IN PROGRAMMA

Venerdì 7 Dicembre 2018 - Domenica 10 Dicembre 2018
Venerdì 11 Gennaio 2019 - Domenica 13 Gennaio 2019
Venerdì 8 Febbraio 2019 - Domenica 10 Febbraio 2019
Venerdì 9 Marzo 2019 - Domenica 10 Marzo 2019

 

Con tre giornate sul campo approfondiremo la sua straordinaria vita sociale frequentando i sentieri e le valli del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise e delle aree limitrofe, effettuando anche affascinanti escursioni serali. Scopriremo il suo ruolo di predatore, la grande capacità di adattamento al territorio italiano ma anche il rapporto storico e conflittuale con l’uomo.

PROGRAMMA

GIORNO 1

Arrivo libero a Pescasseroli, nel pomeriggio sistemazione dei partecipanti in albergo e presentazione della guida. Alle 16 partenza per una prima facile escursione sino al tramonto. Rientro in serata in albergo, cena e pernottamento.

GIORNO 2

All’alba sessione di wildlife watching. Dopo la prima colazione partenza per un'escursione panoramica e ricerca dei segni di presenza del lupo. Possibilità di osservare al pascolo cervi, caprioli e camosci. Pranzo al sacco e spostamento a Civitella Alfedena, visita al Museo del Lupo Appenninico e percorso storico sulla sua conservazione in Italia. Nel pomeriggio rientro a Pescasseroli ed escursione serale per cercare di ascoltare gli ululati. Rientro in albergo in serata e con l’utilizzo delle torce. Cena con prodotti locali e pernottamento.

GIORNO 3

L’alba ci vedrà protagonisti nello splendido scenario del Pianoro Le Forme, ai piedi del Monte Meta e della catena delle Mainarde. Un luogo di forte impatto emotivo, con montagne aspre e selvagge. Escursione sino al Passo dei Monaci per tentare di avvistare anche cervi e camosci. Rientro nel pomeriggio a valle, cioccolata calda, degustazione di prodotti locali e partenza dei partecipanti.


QUOTA INDIVIDUALE

COMPRENDE

Guida e organizzazione

Utilizzo di torce, binocoli e spotting scope

Noleggio kit ciaspole e bastoncini

 

NON COMPRENDE

Sistemazione in albergo a conduzione familiare

Bevande ed extra personali

Eventuali brevi spostamenti in auto


COSA PORTARE

Le escursioni prevedono una buona attività fisica è quindi consigliabile vestirsi a strati per avere la possibilità di potersi alleggerire durante la giornata. E’ necessario avere una giacca impermeabile, pile o maglione pesante, pantaloni invernali o pantaloni estivi con sotto calzamaglia e sopra gli antivento, calze calde e scarponcini da trekking, meglio se impermeabili. Uno zaino capiente per ricambio, attrezzatura personale e pranzo al sacco. Occhiali da sole, crema solare, guanti e berretto, indumenti caldi e antivento come cambio. Le ghette sono consigliate, ma non indispensabili.

COME ARRIVARE

Pescasseroli è il centro principale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la più antica area protetta d’Italia, da quasi un secolo a garanzia della vita in armonia con la natura. E’ facilmente raggiungibile in auto attraverso tre punti di accesso. DA ROMA (A24 Roma-L’Aquila) In auto da Roma si percorre l’autostrada A24 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA PESCARA (A25 Roma-Pescara) In auto da Roma si percorre l’autostrada A25 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA NAPOLI (A1 Napoli-Roma) In auto da Napoli si percorre l’A1 fino al casello di Caianello. Si imbocca la SS85 per Venafro e si prosegue sulla SR83 sino a Pescasseroli

E’ possibile arrivare anche in autobus con collegamenti giornalieri da Castel di Sangro e da Avezzano. Consulta gli orari su www.tuabruzzo.it I collegamenti in treno sono soltanto sino alla stazione di Avezzano. Per chi proviene da Roma è anche possibile consultare gli orari della compagnia Prontobus che effettua collegamenti dagli aeroporti di Roma e Ciampino verso l’Abruzzo.

In evidenza

  • La filosofia di questa iniziativa con un numero ristretto di partecipanti
  • La reale possibilità di incontrare o ascoltare i lupi in natura Il pranzo in rifugio accanto al camino e con atmosfera rilassante
  • Il cielo stellato tra le cime della foresta in un’ambiente dove l’inquinamento luminoso è praticamente assente
  • I racconti e le storie dei pastori abruzzesi che per secoli hanno abitato queste montagne

Itinerario

  1. Pescasseroli
  2. Civitella Alfedena
  3. Pizzone