Terraegna valley and the ancient forest UNESCO heritage

From EUR 15

+1 Additional options

Una piacevole escursione ci condurrà su una terrazza panoramica da cui è possibile osservare le principali vette dell'Appennino centrale e di ammirare i piccoli nuclei di foresta vetusta del Parco. La discesa verso il Rifugio di Terraegna ci offre una pausa rilassante e la possibilità di pranzare a ridosso delle grandi praterie utilizzate da cavalli semi-selvatici.

 

IN PROGRAMMA

Tutti i Giovedì da Luglio a Settembre

From EUR 15

+1 Additional options

Book Now!

All'interno del territorio del Parco sono stati trovati piccoli nuclei di foresta dove i faggi raggiungono o superano i 500 anni di età. Questi alberi, nati prima della fine del Medioevo e dell’arrivo sul Continente Americano da parte di Cristoforo Colombo, sono risultati essere, non solo i faggi più vecchi d’Europa, ma anche le caducifoglie più longeve dell’intero Emisfero settentrionale!

SCHEDA TECNICA

DIFFICOLTA' Escursionistica (E) L'escursione non presenta difficoltà tecniche, si svolge su sentieri di montagna in buona parte boscate con salite e discese di media pendenza.

DISLIVELLO 400 mt in salita e in discesa

LUNGHEZZA 10 km circa​​ a/r 

PROGRAMMA

GIORNO 1

Appuntamento a Pescasseroli alle ore 8.30 presso la nostra sede di Largo Molinari. Incontro con la guida e breve spostamento in auto verso il versante nord del Parco. Una ripida salita dalla Valle dell'Atessa ci permetterà di raggiungere il maestosi pianori di Macchia di Rose e di Terraegna. Qui avremo modo di ammirare splendidi alberi secolari e di ridiscendere nell'accogliente Rifugio di Terraegna per il pranzo. Dopo aver preso un buon caffè ci inoltreremo nel Vallone Filarello che con la sua atmosfera selvaggia per poter raggiungere nuovamente le auto.

 


QUOTA INDIVIDUALE

COMPRENDE

Guida e organizzazione

NON COMPRENDE

Eventuali brevi spostamenti in auto
Sistemazione in albergo a conduzione familiare
Extra e spese personali


COSA PORTARE

Le escursioni prevedono una buona attività fisica è quindi consigliabile vestirsi a strati per avere la possibilità di potersi alleggerire durante la giornata. E’ necessario avere una giacca impermeabile, pantaloni lunghi e scarponcini da trekking, meglio se impermeabili. Occhiali da sole, guanti e berretto di lana, indumenti caldi e antivento, una t-shirt di ricambio. Spray repellente per gli insetti e creme solari soltanto se inodori.

COME ARRIVARE

Pescasseroli è il centro principale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la più antica area protetta d’Italia, da quasi un secolo a garanzia della vita in armonia con la natura. E’ facilmente raggiungibile in auto attraverso tre punti di accesso. DA ROMA (A24 Roma-L’Aquila) In auto da Roma si percorre l’autostrada A24 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA PESCARA (A25 Roma-Pescara) In auto da Roma si percorre l’autostrada A25 fino al casello di Pescina. Si prosegue sulla SR83 o sulla SP17 sino a Pescasseroli. DA NAPOLI (A1 Napoli-Roma) In auto da Napoli si percorre l’A1 fino al casello di Caianello. Si imbocca la SS85 per Venafro e si prosegue sulla SR83 sino a Pescasseroli

 

E’ possibile arrivare anche in autobus con collegamenti giornalieri da Castel di Sangro e da Avezzano. Consulta gli orari su www.tuabruzzo.it I collegamenti in treno sono soltanto sino alla stazione di Avezzano. Per chi proviene da Roma è anche possibile consultare gli orari della compagnia Prontobus che effettua collegamenti dagli aeroporti di Roma e Ciampino verso l’Abruzzo.

Highlights

  • La possibilità di incrociare con lo sguardo il volo dell’Aquila reale
  • Le ombre rigogliose dei grandi faggi che sembrano danzare al vento
  • Il pranzo in rifugio con prodotti locali, il buon caffè e una sosta rilassante

Route

  1. Pescasseroli